01
Mag
08

Renato Schifani

Carissimi
 
sono stato assente perlomeno per un mese. Il silenzio prima delle elezioni e la necessità di dedicare più tempo ai “miei affari” mi hanno allontanato dall’azione intrapresa mesi or sono.
In questo mese il mio paese ha scelto.
Non si è rifiutato di scegliere come io auspicavo.
Il mio paese è abitato da persone che vengono influenzate da televisione e giornali.
Il mio paese non ha più una sua dignità!
Il mio paese crede di conoscere o nasconde la testa sotto tonnellate di terra.
Il mio paese è pieno di personalità rispettabili e illuminate.
Nel mio paese le personalità illuminate devono tacere!
Non sono un disfattista, ne tantomeno un qualunquista, nè appartenente a nessuna corrente antipolitica. Non sono disgustato, nè tantomeno demoralizzato. Sono pronto a sostenere ancora più forte di prima la necessità ad un rinnovamento che parte dal basso, da molto in basso. Parte dal quotidiano, dal discutere per strada, dai nostri bambini che apprendono da quello che vedono, da quello che ascoltano. Parte dall’educazione civile, dalle regole basi del vivere in comunità.
Nelle tribù africane il Santone è colui che meglio degli altri riesce a interpretare il bene comune. E’ colui che eccelle sugli altri per doti naturali.
Il tribale ci insegna che dobbiamo ammirare chi ci governa perchè può salvarci, può risolvere quei problemi “quotidiani” che noi non riusciamo a superare.
Sto volutamente banalizzando!
 
Bene: tanti anni di evoluzione dove ci hanno portato?
 
La seconda carica dello Stato è tale Sen. Schifani. Molti di voi non sapranno chi CAZZO è, bene: ve lo dico io!
 
E vergognatevi di vivere ancora in un paese come il mio!!!!
 
Con la benedizione della presidenza del mafioso Andreotti , il socio e “collaboratore” del boss di Villabate è ora la seconda carica dello Stato. Quello che il boss Nino Mandalà chiamava “il cornuto” e che gli ha sistemato un bel po’ di affari, Renato Schifani è stato eletto al primo colpo.
Quella che dovrebbe essere l’Opposizione “ferma” del Pd alla maggioranza berlusconiana, non ha posto ostacoli… ha, in buon ordine, abdicato con una “scheda bianca”. Quella che si annunciava la “dura” opposizione per la “legalità e la questione morale” dell’IdV di Di Pietro, non ha posto ostacolo, ed anche qui, in buon ordine, ha abdicato con una “scheda bianca” e l’annuncio, come Anna Finocchiaro, del pieno rispetto per la “carica istituzionale”.
Non è un incubo, è l’Italia: Renato Schifani, l’autore – insieme agli ulivisti Boato e Meccanico – del famoso “lodo” che voleva garantire l’impunità alle cinque più alte cariche dello Stato, a garanzia totale di Silvio Berlusconi e che è stato dichiarato “anticostituzionale”, è ora Presidente del Senato della Repubblica.
Se nessuno ha osato abbondare quell’Aula presieduta – per “anzianità” – da un mafioso accertato con sentenza definitiva, quale è Giulio Andreotti, figurarsi se a qualcuno veniva in mente di ricordare chi è Schifani. Infatti lo hanno tutti applaudito per il suo “sincero” discorso.
Chi è Schifani, quindi, lo ricordiamo noi…

“Schifani disse a La Loggia: ‘senti Enrico, dovresti telefonare a Nino Mandalà, perché ha detto che a Villabate Gaspare Giudice non ci deve mettere piede… e quindi c’è la possibilità di recuperare Nino Mandalà, telefonagli’. Il mafioso è quasi divertito. Tanta confusione intorno al suo nome in fondo lo fa sentire importante. Alzare la voce con i politici è sempre un sistema che funziona. E, secondo lui, anche Renato Schifani ne sa qualcosa. Dice Mandalà: ‘Simone, hai presente che Schifani, attraverso questo [il candidato di Misilmeri]… aveva chiesto di avere un incontro con me, se potevo riceverlo. E io gli ho detto no, gli ho detto che ho da fare e che non ho tempo da perdere con lui. Quindi, quando ha capito che lui con me non poteva fare niente, si è rivolto al suo capo Enrico La Loggia che, secondo lui, mi dovrebbe telefonare. Ma vedrai che lui non mi telefonerà. Mi può telefonare che io, una volta, l’ho fatto piangere?
Nell’auto di Simone Castello la domanda del boss di Villabate è seguita da qualche secondo di silenzio. Poi le microspie dei carabinieri registrano la storia di un’amicizia tradita. Una storia di mafia in cui i capibastone minacciano e i politici, terrorizzati, chiedono piangendo perdono.
Mandalà la narra con astio, tutta d’un fiato. Torna con la mente al 1995, l’anno in cui suo figlio Nicola era stato arrestato per la prima volta. Accusa La Loggia di averlo lasciato solo, di averlo ‘completamente abbandonatoì, forse nel timore che qualcuno scoprisse un segreto a quel punto divenuto inconfessabile: lui e Nino Mandalà non solo si conoscevano fin da bambini, ma per anni erano anche stati soci, avevano lavorato fianco a fianco in un’agenzia di brokeraggio assicurativo.
‘Non mi aspettavo che dovesse fare niente, che dovesse fare dichiarazioni alla stampa, ma almeno un messaggio, ‘ti do la mia solidarietà’, [mr lo poteva mandare]. Stiamo parlando di un rapporto che risale alla notte dei tempi, quando eravamo tutti e due piccoli – lui è più piccolo di me – [nemmeno] mi ricordo quando ci siamo conosciuti. [Ma] suo padre… era mio padre, lui era un cristiano con i cazzi, non [come] questo pezzo di merda… [Poi siamo stati] soci in affari perché abbiamo avuto assieme una società di brokeraggio assicurativo, lui presidente e io amministratore delegato. [Andavamo] in vacanza assieme…’
Il portaordini di Provenzano cerca d’interromperlo, sembra voler tentare di calmarlo: ‘Va bene, magari è il presidente [dei senatori di Forza Italia e non si può esporre]…’
‘D’accordo, però, dico, in una situazione come questa… Dio mio mandami un messaggio. [Poteva farlo attraverso] ‘sto cornuto di Schifani che [allora] non era [ancora senatore], [ma faceva] l’esperto [il consulente in materie urbanistiche] qua al Comune di Villabate a 54 milioni [di lire] l’anno. Me lo aveva mandato [proprio] il signor La Loggia. Lui [Schifani] mi poteva dire, mi chiamava e mi diceva: ‘Nino vedi che, capisci che non si può esporre però è con te, ti manda [i saluti]’. No, e invece non solo non mi manda [a dire] niente lui, ma Schifani…’
‘Dice che non ti conosce…’
‘Schifani, quando quelli là in Forza Italia, gli chiedono ‘ma che è successo all’amico tuo, al figlio dell’amico tuo’ risponde ‘amico mio?…no, manco lo conosco, lo conosco a mala pena’. [Così] il signor Schifani [quando veniva a Villabate] per motivi di lavoro [la consulenza per il Comune] vedeva a me e, minchia, scantonava, scivolava, si spaventava come se… come se prendeva la rogna, capisci? Poi, un giorno, dopo la scarcerazione di Nicola, [io e La Loggia] ci siamo incontrati a un congresso di Forza Italia. Lui viene e mi dice: ‘Nino, io sai per questo incidente di tuo figlio…’.
Gli ho detto: ‘Senti una cosa, tu mi devi fare una cortesia, pezzo di merda che sei, di non permetterti più di rivolgermi la parola’.
‘Ma Nino, ma è mai possibile che tu mi tratti così?’.
‘E perché come si deve trattare? Perché non è possibile spiegarmelo. Chi sei?’
‘No, ma io non dico questo, ma i nostri rapporti…’
‘Ma quale rapporto.’
‘Senti possiamo fare una cosa, ne possiamo parlare in ufficio da me?’, ‘Si perché no…’ E ci siamo trasferiti in via Duca della Verdura [lo studio di La Loggia].
[…]
Da un certo punto di vista l’astio dell’avvocato Mandalà è perfettamente comprensibile. Lui Schifani e La Loggia li aveva sempre considerati degli amici, tanto che erano stati tra gli ospiti importanti del suo secondo matrimonio, avvenuto nei primi anni Ottanta. A quell’epoca Nino Mandalà era appena rientrato in Sicilia da Bologna, dove lavorava nel mondo delle concessionarie d’auto e dove anche suo figlio Nicola era nato. Con loro aveva fondato la Sicula Brokers, una strana società in cui i suoi futuri leader di Forza Italia sedevano fianco a fianco di imprenditori di odor di mafia e boss di Cosa Nostra.
A scorrere le pagine ingiallite di quei documenti societari c’è da rimanere a bocca aperta: la Sicula Brokers viene creata nel 1979 e tra i soci, accanto a Mandalà, La Loggia e Schifani, compaiono i nomi dell’ingegnere Benny D’Agostino, il titolare delle più grandi imprese di costruzioni marittime italiane, poi condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, e di Giuseppe Lombardo, l’amministratore delle società di Nino e Ignazio Salvo, i re delle esattorie siciliane arrestati nel 1984 da Giovanni Falcone perché capi della famiglia mafiosa di Salemi.
La Sicula Brokers è insomma una società simbolo di quella zona grigia nella quale, per anni, borghesia e boss hanno fatto affari.
Palermo del resto è sempre stata così: nel dopoguerra i mafiosi erano i campirei dei ricchi, erano gli uomini di fatica ai quali la borghesia e l’aristocrazia delegavano l’amministrazione delle terre e dei beni. Un rapporto quasi simbiotico, spesso caratterizzato da reciproci scambi di favori. Ecco quindi che Benny D’Agostino, il socio di La Loggia, Schifani e Mandalà, viaggia nei primi anni Ottanta in Ferrari con don Michele Greco, il “papa della mafia”; ospita nelle sue proprietà i latitanti; si dedica con i prestanome di Provenzano, come il boss Pino Lipari, al controllo della spartizione degli appalti pubblici. Ecco quindi che il senatore Giuseppe La Loggia, il padre di Enrico, stando al racconto di Mandalà, si presenta da un capomafia come Turiddu Malta per domandare il suo appoggio elettorale.
Un fatto quasi normale per l’epoca, tanto che del sostegno dato da Cosa Nostra a La Loggia senior parlerà anche Nick Gentile, un pezzo da novanta nella Cosa Nostra made in USA, consigliere di Al Capone e Lucky Luciano.
[…]
Il problema è che la mafia, al contrario della politica, non dimentica. Anche a distanza di anni, anzi di decenni, è difficile scrollarsi di dosso certi rapporti, certe antiche relazioni. Ed è difficile anche per Enrico La Loggia che pure, a metà degli anni Ottanta, fa parte come assessore della prima giunta del sindaco Leoluca Orlando e, per diretta ammissione di Nino Mandalà, in quelle vesti risponde di no alle sue richieste di aiuto.
Così le vittorie elettorali di Forza Italia nelle zone di Villabate e Bagheria, feudi di Provenzano e della famiglia Mandalà, diventano pericolose.
Francesco Campanella, che osserva quanto accade dalla sua poltrona privilegiata di presidente del consiglio comunale, se ne accorge quasi subito. Nel 1994 l’avvocato Nino Mandalà sbandiera i suoi legami importanti. Se ne fa vanto. Dice a Francesco di avere ‘strettissimi rapporti con il senatore’, gli parla del suo matrimonio al quale anche lui e Schifani avevano partecipato, e Campanella capisce che non mente. Il nuovo segretario comunale viene scelto dal sindaco Navetta su ‘segnalazione di La Loggia’ e la stessa cosa accade con Schifani: ‘I rapporti tra loro erano ancora ottimi durante l’inizio dell’attività politica del Mandalà nel ’94, tant’è vero che La Loggia era il suo riferimento all’interno di Forza Italia […]; a un certo punto Schifani fu segnalato da La Loggia come consulente e quindi nominato dal sindaco come esperto in materia urbanistica. […] Le quattro varianti al piano regolatore di cui abbiamo parlato, parco suburbano, la variante commerciale, la viabilità, furono tutte concordate dal punto di vista anche di modulazione, di componimento, insomma dal punto di vista giuridico con lo stesso Schifani’.
[…]
Lì Mandalà organizzò tutto per filo e per segno interagendo in prima persona. […] Mi disse che aveva fatto una riunione con Schifani e con La Loggia e che aveva trovato un accordo per il quale i due segnalavano il progettista del piano regolatore generale, incassando anche una parcella di un certo rilievo […]. L’accordo, che Mandalà aveva definito con i suoi amici Schifani e La Loggia, era quello di manipolare il piano regolatore, affinché tutte le sue istanze – che poi erano [la richiesta] di variare i terreni dove c’erano gli affari in corso e addirittura di penalizzare quelle della famiglia mafiosa avversaria o delle persone a cui si voleva fare uno sgarbo – fossero prese in considerazione dal progettista e da Schifani […] Cosa che avvenne, perché poi cominciò questa attività di stesura del piano regolatore e io mi trovai a partecipare a tutte le riunioni che si tennero con lo stesso Schifani, qualche volta allo studio di Schifani e qualche altra volta al Comune. Io [poi] partecipai anche alle riunioni, più tipiche della famiglia mafiosa, in cui Schifani non c’era…’
[…]
Il clan di Villabate si butta a capofitto nell’affare. Dal Nord torna il costruttore che se ne era andato dal paese quando era scoppiata la faida con i Montalto. Si mette in società con Nino Mandalà, assieme a lui contatta tutti i proprietari degli appezzamenti di terreno che sarebbero dovuti diventare edificabili e fa loro firmare dei preliminari di vendita. In buona sostanza la mafia si accaparra tutte le zone in cui si potrà costruire. In un incontro con il sindaco Navetta e i due Mandalà, Francesco discute il piano regolatore e ‘gli inserimenti fatti dal progettista con i pareri di Schifani’.
Domanda il pubblico ministero [a Francesco Campanella]: ‘Io volevo capire questo: le risulta che Schifani fosse al corrente all’epoca degli interessi di Mandalà in relazione all’attività di pianificazione urbanistica del Comune di Villabate?’
‘Assolutamente sì, il Mandalà mi disse che aveva fatto questa riunione con La Loggia e con lo stesso Schifani e l’accordo era appunto nominare, attraverso loro, questo progettista che avrebbe incassato questa grossa parcella che in qualche modo avrebbe condiviso con lo stesso Schifani e La Loggia […]’
‘Quindi la parcella non sarebbe andata soltanto al progettista?’
‘No, il progettista era il titolare di un interesse economico che era condiviso dallo stesso Schifani e La Loggia’.
[…]
‘…però rimane da capire, signor Campanella, esattamente in che epoca si collocano o si colloca, se colo una, quella riunione tra Mandalà, La Loggia e Schifani in relazione alla pianificazione urbanistica del Comune di Villabate’.
‘Questa si colloca sicuramente in epoca successiva all’arresto di Mandalà Nicola, nell’epoca in cui stavamo adottando questi atti…”

Niente male: ora Renato Schifani è presidente del Senato, seconda carica della Repubblica. Al momento (chissà come mai?!?) nessuno dei “curriculum” pubblicati dai giornali on line cita questi fatti. Noi li pubblichiamo e ringraziamo ancora una volta i due giornalisti autori del libro “I Complici – tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento”, Lirio Abbate e Peter Gomez.


Nota:

leggere anche il dossier su Schifani pubblicato nell’agosto 2002 da L’Espresso.

PS 1
Mentre i media italiani unanimemente lodano il neo presidente del Senato e si mostrano smemorati (o ignoranti) sul suo passato in Sicilia, i giornali on line esteri, come ad esempio
El Pais, pubblicano tutta la biografia di Renato Schifani… compresi i suoi legami con Cosa Nostra!
…e poi qualcuno diceva che il “V2 Day” per la “libera Informazione in libero Stato” era ingiustificato!

Annunci

0 Responses to “Renato Schifani”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Senso

" ... perchè sopprimere un ideale soffoca il pensiero, esprimerlo senza regole lo rende innocuo ! "

Al giorno d’oggi

maggio: 2008
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Post più letti

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: