25
Gen
08

… per non fare spicciola demagogia

Nell’andirivieni di commenti e giudizi di questi giorni. Nel mio intento dichiarato giorni or sono di tentare un progetto per far cambiare le cose (mi sono messo al lavoro per questo ve lo assicuro). Non potevo non portarvi alla luce un articolo intelligente del giornalista de La Repubblica Ilvo Diamanti che analizza in maniera arguta e pragmatica l’attuale crisi di governo e probabile fine della legislatura. (PS: questi sono i momenti di debolezza delle istituzioni che andrebbero sfruttati per “eliminare”, “estirpare” coloro che hanno reso marcia la nostra nazione…)
Mat
Microfisiologia partigiana della crisi
L’analista cinico e disilluso, abituato a trattare in modo cinico e disilluso la nostra democrazia cinica e disillusa potrebbe riassumere in modo cinico e disilluso l’esito di questa legislatura – ansiogena e convulsa. Usando, come approccio la “fisiologia partigiana”. La patologia partitica, dettata dalla dipendenza del nostro sistema da una pletora di formazioni piccole e piccolissime. Partiti minuscoli, senza ideologia e senza programma. Perlopiu, riconducibili al solo leader. Alimentati e riprodotti da un sistema elettorale che impone le coalizioni preventive. E da una distribuzione del voto che divide gli italiani in due. Antiberlusconiani contro anticomunisti. Partiti che valgono poche centinaia di migliaia di voti. Per riferirsi all’ultimo punto di crisi: l’Udeur ha raccolto circa mezzo milione di voti, nel 2006. L’1,4% dei voti validi, ottenuti perlopiù in Campania. Determinanti, dato l’equilibrio delle forze in campo. Non solo fra gli elettori, ma anche in Parlamento. E soprattutto in Senato. Dove, infatti, numerosi “soggetti politici” sono in grado di condizionare le scelte della “maggioranza”. Partiti individuali – o quasi – e individui senza partito. Pallaro, Di Gregorio, i Liberal-Democratici (LD: come Lamberto Dini), Turigliatto. E altri ancora, la cui visibilità dipende dal momento. Ovvio che ogni partito con basi elettorali limitate e tanto più i partiti individuali, presenti solo in Senato, temano ogni legge che ne metta a rischio l’esistenza. Ma anche l’influenza. Leggi maggioritarie veramente maggioritarie? No grazie. Proporzionali? A condizione che non pongano vincoli troppo esigenti. L’ideale: un proporzionale con soglia di sbarramento allo 0,5%. Oppure, in alternativa: una legge elettorale che “costringa” tutti a indicare le alleanze “prima” del voto. Così che, in un clima di incertezza tanto elevata, nessuno possa rinunciare a nessuno, se vuol vincere le elezioni. Leghe locali, pensionati, casalinghe, consumatori; e domani, immaginiamo, tassisti, professionisti e nimby di ogni genere, tipo e latitudine.Nessun Vassallum e nessuna bozza Bianco; ma neppure il sistema tedesco (5% di sbarramento? Entrerebbero solo 5-6 partiti). Unica soluzione? Il “nanarellum”. Un sistema elettorale che garantisca esistenza e influenza ai “nanetti”, come li chiama Giovanni Sartori. Per questo, l’analista cinico e disilluso vede nel collasso di questi giorni un esito annunciato da tempo. A prescindere dalle inchieste dei magistrati. Qualcuno l’aveva pure detto, nei mesi scorsi. Ci pare Mastella, ma non vorremmo sbagliarci. (Anche perché non è il solo ad aver detto cose simili). Recitiamo a memoria: “Se si va al referendum, se questa maggioranza pensa di sostenerlo o di permetterlo; se accetterà “derive” maggioritarie, si sappia che il governo non durerà un minuto di più”. Sarà un caso, ma la defezione di Mastella e dell’Udeur è venuta all’indomani della decisione della Corte Costituzionale, che ha decretato la legittimità del referendum elettorale; dopo il sostanziale stallo (fallimento) del negoziato (fra interessi impossibili da comporre) sulla legge elettorale, promosso da Veltroni e sostenuto, a parole, da Berlusconi; dopo la volontà, dichiarata da Veltroni, di far procedere il PD “da solo”. Oggi, in sede negoziale. Ma anche domani, alle elezioni.

Sembra la cronaca di una fine annunciata. Colpisce una legislatura che, superato questo cupo gennaio, scivolerebbe, inevitabilmente, verso la prova del referendum.
Una questione di “fisiologia politica”: è l’istinto di sopravvivenza dei partiti minimi (e non solo il loro) che sembra spingere alle elezioni, al più presto possibile. Per votare con il vituperato “porcellum”. Meglio “porcelli” ma vivi, insomma.

E’ una lettura cinica e disillusa, da analista cinico e disilluso. Banale e qualunquista: ce ne rendiamo conto. Utilizza argomenti mediocri. Fa riferimento agli istinti politici più elementari invece che agli accesi dibattiti dei giorni scorsi. Svaluta le polemiche aspre riguardo al rapporto fra magistratura e politica, Chiesa e Stato, cattolici e laici, Nord e Sud. I temi, gravi, della politica economica, finanziaria, internazionale, la sicurezza, l’occupazione, le morti sul lavoro. Trascura perfino la contrapposizione – a suo modo passionale – fra antiberlusconiani e anticomunisti. Dedica attenzione massima a cose minime, insomma. Lo stesso approccio, cinico e disilluso, tuttavia, suggerisce pensieri diversi e quasi opposti. Che sollevano qualche dubbio sulla fine anticipata – anzi: immediata – della legislatura. Sulle elezioni subito: ad aprile. Contro queste prospettive congiura l’istinto di conservazione dei parlamentari. Molti dei quali, se legislatura non arrivasse a metà percorso – se finisse prima di ottobre, insomma – perderebbero il diritto alla pensione. Rinuncerebbero ai numerosi benefit offerti loro dall’attuale carica. Senza alcuna garanzia di venire ricandidati e rieletti. Perché ogni seggio lasciato rischia di essere perso. Perché la concorrenza cresce sempre di più (se Mastella e l’Udeur, putacaso, confluissero nel centrodestra, a chi leverebbero posto? Posti?). Osservazioni venali e veniali di fronte alla gravità del momento e alla serietà dei motivi gridati dagli attori politici che interpretano la crisi attuale. Temi etici, estetici, programmatici, economici, deontologici, istituzionali, costituzionali e altro ancora.
Sbaglia sicuramente l’analista cinico e disilluso, quando descrive una “democrazia minima”, i cui destini si decidono a Ceppaloni. Quando racconta farse che finiscono in tragedia.

Annunci

0 Responses to “… per non fare spicciola demagogia”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Senso

" ... perchè sopprimere un ideale soffoca il pensiero, esprimerlo senza regole lo rende innocuo ! "

Al giorno d’oggi

gennaio: 2008
L M M G V S D
    Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Post più letti

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: